PREMIO NAZ. GIOVANNI BOVIO: SABATO 1 SETTEMBRE LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE


Ci sarà anche l'esibizione di danzatori in abiti dell'800. Ecco le giurie




TRANI.BIZ il portale di Trani - notizie, turismo, aziende, eventi a Trani, hotel a Trani, ristoranti a Trani, estate tranese, natale tranese


PREMIO NAZ. GIOVANNI BOVIO: SABATO 1 SETTEMBRE LA CERIMONIA DI PREMIAZIONE


Ci sarà anche l'esibizione di danzatori in abiti dell'800. Ecco le giurie




IIl 1° settembre 2018, alle ore 18,00, avrà inizio la cerimonia di premiazione della 3° edizione del Premio Nazionale Giovanni Bovio.

Anche quest’anno gli organizzatori del Premio hanno scelto gli eleganti spazi di Palazzo San Giorgio, affacciato su una delle piazze più prestigiose di Trani, per realizzare l’evento conclusivo del concorso, che sta riscuotendo sempre più consensi da ogni parte d’Italia. Non a caso, il 20 agosto, presso il Castello di Macchiagodena (cittadina in provincia di Isernia), si è tenuta l’anteprima della cerimonia di premiazione del Premio Nazionale Giovanni Bovio, dando particolare rilievo al “Premio speciale alla memoria di Romy Dell’Omo”. L’evento, organizzato dall’amministrazione comunale di Macchiagodena con la collaborazione del prof. Filippo Ungaro, ha visto in qualità di relatori il Sindaco rag. Felice Ciccone, il prof. Filippo Ungaro, già giudice onorario del Premio e Domenico Valente, presidente dell’ass. culturale “Progetto Bovio”.

La data del 1° settembre sarà caratterizzata dalla partecipazione straordinaria della “Società di Danza – Circolo Pugliese”, diretto da Assunta Fanuli. I danzatori, ospiti dell’associazione culturale “Progetto Bovio”, si esibiranno in balli tipici dell’Ottocento, indossando gli eleganti abiti che hanno da sempre caratterizzato quel periodo storico.

Comunicati i vincitori, adesso, come previsto dall’art. 8 del bando di concorso, si rendono noti i nominativi dei giudici che si sono offerti di sostenere il Premio, dando il loro prezioso contributo.

Per le arti visive (sezione A e sez. F) la giuria è stata costituita dal maestro Giuseppe Antonio Lomuscio (tranese di adozione, noto per aver realizzato la scultura bronzea, commissionata dal Vaticano, raffigurante San Michele Arcangelo, collocata nei Giardini Vaticani) e dal maestro Filippo Cacace, artista e docente in varie “botteghe d’arte” pugliesi.

Per le sezioni di narrativa, poesia e saggistica (sezioni B – C – D – F) le giurie sono state composte dai seguenti componenti:

prof.ssa Palma Crea Cappuccilli (di Sulmona), già docente di latino e greco, promotrice di varie iniziative culturali in Abruzzo, e autrice di varie pubblicazioni; prof. Antonio De Salvia (di Canosa), dirigente scolastico del plesso Rocca-Bovio-Palumbo di Trani; prof.ssa Antonietta Filisio (di Venezia), già docente di materie letterarie; prof. Trifone Gargano (di Bari) già docente di Didattica della lingua italiana, presso l’Università degli Studi di Foggia, attualmente Visiting Professor a Stettino (Polonia) di Storia della lingua italiana, saggista e scrittore; dott.ssa Micaela Nìchilo, vicepresidente dell’associazione culturale Progetto Bovio e organizzatrice del Premio Nazionale Giovanni Bovio; prof. Daniele Maria Pegorari, docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea, presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”; prof. Mario Spagnoletti (di Bari), studioso del Risorgimento italiano, attualmente insegna Storia contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”.

Per il “Premio speciale alla memoria di Romy Dell’Omo” giudice unico il prof. Filippo Ungaro.

Nella kermesse del 1° settembre, con ingresso libero, gli organizzatori del Premio Nazionale Giovanni Bovio, la dott.ssa Micaela Nichilo e lo scrittore Domenico Valente, oltre a premiare i vincitori della 3° edizione, annunceranno le importanti novità che caratterizzeranno la 4° edizione del Premio Nazionale Giovanni Bovio.

I nomi dei vincitori per ciascuna sezione


Anche quest'anno www.trani.biz è partner culturale del Premio Nazionale Giovanni Bovio